Richard Cloud – L’Adepto Rosicruciano Segreto Alois Mailänder

Aggiornamento: gen 21

ATTENZIONE


A scanso di equivoci, è bene tenere presente che quanto segue è il frutto di una ricerca storica, basata su diversi documenti. Ogni affermazione è corroborata da diverse citazioni. In particolare si tratta della traduzione del secondo articolo di Richard Cloud. Potete trovate tutte le fonti citate negli articoli originari scritti in lingua inglese scritti da Richard Cloud, Samuel Robinson e dal sottoscritto, Giorgio Tarditi Spagnoli, e di cui trovate qui il link:

  1. Steiner and the Secret Inner Circle of Twelve

  2. The True Identity of the Elder Brother of Rudolf Steiner Revealed

  3. The Secret Rosicrucian Adept Alois Mailänder

Tuttavia gli stessi collegamenti erano già stati fatti indipendentemente riguardo alla storia dell’O.T.O. da Richard Kaczynski nel libro Forgotten Templars (2012) nonché per quanto riguarda il rapporto tra Steiner e Eckstein da  Rolf Speckner nell’articolo Friedrich Eckstein als Okkultist. Per quanto riguarda Alois Mailänder si veda anche il breve articolo su AnthroWiki. Dunque quanto riporterò in questo articolo è un riassunto complessivo, dal mio punto di vista, di queste ricerche a cui ho contribuito dal punto di vista antroposofico, condividendo quanto raccolto sul Servizio di Misraim nonché riguardo la connessione tra Felkin e Steiner (Capitolo 9 della Storia del Servizio di Misraim).


I diversi collegamenti esposti in questo studio sono frutto delle ipotesi degli autori e sono dunque soggetti a continuo aggiornamento, aggiustamento e cambiamento man mano che nuove citazioni e documenti vanno a corroborare o smentire la ricostruzione storica proposta. Non è dunque l’ultima parola sull’argomento, bensì una ricerca storica in continua evoluzione, così come prevede il metodo storico scevro da pregiudizi. Gli errori e le imprecisioni saranno corretti volentieri. Chi vorrà fare segnalazioni al riguardo è pregato di assumere un atteggiamento costruttivo.


Un’esposizione sul massimo grado dell’Iniziazione Rosacroce tedesca

Un tempo considerata il coronamento dell’iniziazione rosacrociana, il sistema di rigenerazione spirituale di Alois Mailander rimodellò il paesaggio occulto dell’Europa. Mantenuto sotto il più stretto segreto, i suoi metodi avrebbero dovuto essere ai massimi livelli di istruzione dell’OTO originario, della Teosofia di Adyar, dell’antroposofia, della Rosicrucian Fellowship, del metodo di Franz Bardon, della Hermetic Brotherhood of Luxor, della Fraternitas Rosicruciana Antiqua di Krumm-Heller, e del ramo della Stella Matutina della Golden Dawn nonché alla Societas Rosicruciana in America di Plummer.


Altrettanto notevole, questi gruppi hanno perso ogni traccia della sua fonte. Come può un Adepto essere dietro così tanti impulsi esoterici e tuttavia rimanere nascosto a tutti tranne pochi iniziati? Inoltre, come possono tutti questi gruppi dimenticare le origini dei loro arcani più alti?


Un autentico Capo Segreto dei Rosacroce

Le origini della maggior parte degli ordini occulti sono oscurate in storie fantastiche, in cui molti pretendono origini legate a guide dell’umanità nascoste o invisibili. In gran parte chiamati “Capi Segreti” o “Superiori Sconosciuti”, abbondano storie di adepti invisibili, che appaiono dietro il Martinismo, la Golden Dawn, la Rosicrucian Fellowship e altri gruppi. A differenza di quelle storie, tuttavia, i Pansofici conoscevano l’identità del loro adepto superiore. Non solo era un maestro vivo e vegeto, ma la sua venuta era considerata un grande avvento.


Tenendo presente che le storie riguardo ai Capi Segreti si sono rivelate essere fabbricazioni (come la storia che Mathers e Westcott hanno inventato per la Golden Dawn) o che non hanno mai rivelato l’identità delle loro guide invisibili, sapere dell’identità di Alois Mailander è significativo poiché rivela per la prima volta un genuino adepto rosacrociano nascosto dietro la più ampia tradizione esoterica occidentale.


Un semplice tessitore e operaio della Germania meridionale, Mailander rimase per lo più sconosciuto al mondo. Durante la sua vita tutti i suoi discepoli hanno giurato di mantenere segreta la sua identità. [1] Solo il suo circolo interno sapeva chi fosse veramente. Questa cerchia di iniziati portò quindi i suoi metodi e i suoi insegnamenti al mondo sotto le spoglie di diversi movimenti occulti, ognuno avvolto nel carattere e nella lingua di quello che lo rendeva pubblico. Come Rudolf Steiner ha indicato, tuttavia, l’identità di questo maestro poteva essere rivelata dopo 100 anni. Questa rivelazione è avvenuta nell’estate del 2017, quando ho pubblicato l’identità di Mailander con il permesso concesso dai Pansofici tedeschi. [2] Ma Mailander non era solo il Maestro di Steiner. Era anche quello di Blavatsky, Meyrink, Franz Hartmann e altri esoteristi.


Come visto nel precedente articolo, i Rosacroce Pansofici che compongono il cerchio attorno a Mailander non solo credevano che fosse il ritorno del Giovanni biblico, ma Steiner lo considerava addirittura un’incarnazione di Christian Rosenkreutz (C.R.C.). Se questo sia vero lo lasciamo decidere ad ognuno. Per i tedeschi la sua venuta significò l’arrivo del promesso Elia Artista [Elias Athersatha]  che Paracelso profetizzò sarebbe tornato per rigenerare il mondo. [3] Questa profezia era ben nota tra i circoli rosacrociani.


Nel ricercare la connessione tra Mailander e la profezia paracelsiana di Elia Artista, dobbiamo rivolgerci agli eventi celesti che hanno modellato il movimento rosacrociano. La scoperta di due nuove stelle nel 1604 è legata all’apertura della tomba di C.R.C., che la Fama Fraternitatis descrive come avvenuta nello stesso anno. [4] Molta parte dell’attività iniziale della Fratellanza Rosacroce è legata all’apparizione di nuove stelle e comete. [5] Gli interessati possono leggere The Invisible History of the Rosicrucians di Tobias Churton per una descrizione completa.

I rosacroce credevano che le comete del 1603 e del 1604 annunciassero la venuta di Elia Artista, il prossimo profeta dei rosacroce. “L’Europa era incinta”, hanno detto, e in procinto di partorire. La consegna di suo figlio fu il fenomeno rosacrociano, scatenando il suo tumulto. Eppure c’era ancora molto da sapere sulla sua gravidanza.


Se Mailander fosse stato davvero il promesso Elia / Giovanni, come sostengono i Pansofici, sicuramente la sua nascita sarebbe stata anche collegata a eventi celesti. Mentre cercavo nuove stelle o comete durante il periodo della nascita di Mailander, non solo ho scoperto una cometa, ma una che è stata considerata l’evento celeste più significativo dell’epoca! Designata la “Grande Cometa del 1843”, fu pensata da molti per annunciare la fine del mondo. [6] Questa cometa non fu scoperta fino al mese successivo alla nascita di Mailander e raggiunse la massima intensità a marzo, il mese in cui era nato. Sono state fatte circolare molte immagini raffiguranti la palla di fuoco mentre si diffondeva nel cielo. È stata emessa anche una moneta commemorativa per commemorare il suo passaggio.

image.png

La Grande Cometa del 1843 di Mary Morton Allport la moneta commemorativa


Per i Pansofici questa era la prova dell’identità di Mailander. La tradizione orale tramandata in Germania afferma che il suo iniziatore Prestel ricevette dai rosacrociani la missione di trovarlo. Al momento dell’iniziazione Mailander iniziò a parlare con la voce di “Giovanni”, come è evidenziato in diverse lettere indirizzate a Meyrink. [7] – [8]

La profezia di Paracelso si era finalmente avverata per i Rosacroce tedeschi, ma che ne è stato poi?


Gli insegnamenti dei Pansofici e del loro fratello Giovanni

Nel 2017 mi sono stati dati i primi contorni del sistema Mailander. Ciò ha portato alla ricerca per determinare se gli insegnamenti e la tradizione orale del gruppo di oggi rappresentassero un’autentica discendenza al circolo originale di Mailander. In effetti ho trovato diverse prove. Le fonti pi